Logo

La commedia della vanità di Elias Canetti

autore Elias Canetti
con Maria Eugenia D'Aquino, Paui Galli, Riccardo Magherini,  Alessandro Pazzi, Annig Raimondi, Eliel Ferreira de Sousa
musiche originali e spazio "acustico" Maurizio Pisati
spazio scenico Lazlo Ctrvlich 
disegno luci Manfredi Michelazzi
interventi video Francesca Lolli   
costumi Nir Lagziel
assistente costumi e sartoria Marlene Pisati 
oggetti di scena Progetto Ri-costruzione ASST Lodi
progetto e regia Annig Raimondi
produzione PACTA . dei Teatri

Nella Commedia della vanità l’idea di fondo è la proibizione, da parte del governo totalitario di una società imprecisata, dell’uso degli specchi, fotografie e ritratti, pena il carcere o la morte. La legge stabilisce che la vanità debba essere bandita, e che pertanto, per ovviare al suo dilagare in tutti i settori, ogni strumento atto a tenerla in vita vada distrutto. La proibizione otterrà l’effetto opposto per il fascino del proibito. Un'abnorme parabola del potere, della massa, del delirio, scritta dal premio Nobel per la Letteratura 1981 fra il ‘33 e il ‘34.

Contatti
T. 02 36503740 | [email protected] - [email protected] | www.pacta.org 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.